Tel. +39 340 4891682 claudia@clasycomunicazione.it

Via Passetto, 28 41057 Spilamberto (MO)

Indù – Claudio Vignali e Andrea Grillini – duo

CLAUDIO VIGNALI

Claudio Vignali inizia giovanissimo lo studio del pianoforte dedicandosi principalmente al repertorio classico per poi appassionarsi alla musica jazz. La critica lo ha definito “pianista dotato di una tecnica strepitosa di straordinaria matrice classica, con un tocco pieno di colori” (A. Tenni) e “pianista dalla grande classe interpretativa” (Montreux International Jazz Piano Competition).

Si diploma in pianoforte classico e in musica jazz con il massimo dei voti e la lode rispettivamente presso i Conservatori di Ferrara e Adria, continuando a perfezionarsi con Wonmi Kim, Giorgio Gaslini, Ramberto Ciammarughi e Fausto Caporali (improvvisazione barocca). È il vincitore del terzo premio assoluto al più importante concorso internazionale per pianoforte jazz, “Parmigiani Montreux International Jazz Piano Solo Competition 2013”, dove era stato già selezionato tra i migliori 10 pianisti under 30 del mondo. Ha vinto inoltre il primo premio all’“International Jazz Music Competition” di Venezia, arrivando in semifinale al “Nottingham International Jazz Piano Solo Competition” e al “Premio Massimo Urbani”. Finalista anche al concorso “Chicco Bettinardi”, del quale ha vinto due volte il “Premio del Pubblico”.

In campo classico ha vinto nel 2011 il concorso pianistico promosso dal “Lions Club di Bologna” con un programma di musiche di Rachmaninoff, Ravel e Bach, mentre nel 2002 si è aggiudicato la borsa di studio per giovani pianisti “Pio Rocco Zampa”, suonando brani di Beethoven e Schubert.

Da solista si è esibito in importanti festival, teatri e jazz club, tra cui Septembre Musical (Montreux), Teatro Comunale di Bologna, Conservatorio di Bologna, Teatro Testoni, Oratorio San Filippo Neri, Anzola Jazz Festival, Geneve Piano Festival, Teatro Vivaldi Jesolo, Jazz Piano a Villa Smilea, Cantina Bentivoglio. Numerose anche le collaborazioni con importanti musicisti in ambito classico, jazz e blues. Attualmente è il pianista del “James Thompson & Claudio Vignali 2et” e del “James Thompson Project”, con cui si esibisce in importanti festival nazionali ed europei tra cui: Tenero Music Festival (Svizzera), Dolomiti Ski Jazz, Festival Lago di Como, Beigua Blues Festival, Canovacci Pero Festival, Jesolo Spirituals, Trasimeno Blues. Nel 2011 collabora anche con il quintetto di Roberto Rossi, Piero Odorici e Marco Tamburini, suonando al festival emiliano Tutte le strade portano al jazz. Nello stesso anno suona nella Big Band diretta da Roberto Spadoni, che esegue brani di Charles Mingus.

Sul fronte discografico, dal 2013 al 2014 registra tre cd con i norvegesi Arne Hiorth, trombettista, e la cantante Oddrun Eikli, insieme al produttore Daniele Principato. Nel 2014 con Achille Succi e Andrea Grillini esce l’album di inediti “Juggernaut” per l’etichetta inglese SLAM Records. Contemporaneamente a Juggernaut esce l’album Tarun Balani Collective, Live at Teatro Bismantova (Tiziano Bianchi, Claudio Vignali, Matteo Zucconi, Tarun Balani), live inserito nel tour invernale del 2013, organizzato da Tiziano Bianchi e il batterista indiano Tarun Balani, entrambi studenti del Berklee College di Boston.

ANDREA GRILLINI

Bolognese classe 1985, Andrea Grillini si avvicina allo studio della batteria all’età di sedici anni presso il centro musicale di Ozzano Dell’ Emilia sotto la guida di Christian Rovatti. Prosegue privatamente gli studi e affronta un programma improntato su letture, poliritmia e scomposizioni. Studia con il maestro Mauro Gherardi, frequenta a Milano il CPM-Centro Professione Musica diretto da Franco Mussida- PFM, seguendo i corsi di Walter Calloni, Maxx Furian e Christian Meyer, e il corso jazz del Conservatorio di Bologna con Stefano Paolini. Partecipa a numerosi seminari, tra cui Castellammare Summer Jazz, i corsi estivi di Siena Jazz, Nuoro Jazz 2007/2008 (organizzati da Paolo Fresu) e a stage di musica d’avanguardia e contemporanea con Tristan Honsinger e Fabrizio Puglisi, con il quale costituirà una Big Band per lavorare sulla musica di Sun Ra. Numerose le collaborazioni con diversi musicisti italiani e stranieri: Ken Vandermark, Paul Giallorenzo, Jason Stain, Tristan Honsinger, Fabrizio Puglisi, Antonio Borghini, Maurizio Rolli, Pasquale Mirra, Domenico Caliri, Cristiano Arcelli, Achille Succi, per citarne solo alcuni.

Nel dicembre 2007 prende parte allo Human Rights Nights Festival (in concomitanza al Soweto Art Festival), progetto di interscambio culturale di giovani artisti italiani all’estero patrocinato dal comune e dalla Cineteca di Bologna, la cui tournée tocca varie citta sud africane. All’estero si esibisce ancora nel 2007 con la Band Luther Blissett all’Impovised Music Serie (Chicago), rassegna organizzata dal sassofonista Ken Vandermark, e nel 2008 in Inghilterra. Presente anche in Italia al Downbeat festival 2006-2007-2008, Onirica Festival (Bologna), 2009/2010 e Iceberg Festival (Bologna)2009. Nell’estate 2010 suona e partecipa, con il sassofonista Gianni Gebbia e il chitarrista Filippo Giuffrè, all’istallazione di arte contemporanea del Laboratorio Saccardi di Palermo, all’interno della splendida cornice dell’antica Tonnara di Favignana aperta per l’occasione con il contributo della regione Sicilia. Collabora inoltre con “SponkStudios”, collettivo di videomaker attivi sulla scena europea e americana nella creazione di colonne sonore di film e documentari.

Con Bad Uok incide per l’etichetta pugliese Auand records il primo disco costituito prevalentemente da sue composizioni  che riscuote ampi consensi dalla critica nazionale e intenazionale. Terzo con Bad Uok al concorso nazionale dei conservatori italiani 2013, a febbraio/marzo 2014 suona in tour in italia con la stessa formazione in importanti club e jazz club, presentando composizioni inedite con ospite il sassofonista Cristiano Arcelli.

Post Tagged with ,