Tel. +39 340 4891682 claudia@clasycomunicazione.it

Via Andrea Doria, 17 41057 Spilamberto (MO)

INGRID CARBONE, ecco il Liszt sacro

LES HARMONIES DE L’ESPRIT

Sacred piano works

 Franz Liszt

 Ingrid Carbone cd cover

Un affascinante viaggio nella letteratura pianistica di Franz Liszt (1811-1886): ecco cos’è “Les harmonies de l’esprit” (Da Vinci Classics), disco d’esordio della pianista e matematica calabrese Ingrid Carbone. Dall’esplorazione di quattro lavori composti tra il 1849 e il 1863, affiora un mondo musicale che si nutre di immagini profonde in una complessa rete di riferimenti culturali, letterari e spirituali. Ricerca singolare e quanto mai evocativa del Liszt sacro, l’album rappresenta la preziosa occasione per riscoprire pagine di raro ascolto e rintracciare la pluralità delle emozioni che si annidano nei brani del compositore e pianista ungherese.

«Liszt è considerato il punto di arrivo di un pianista – dichiara Ingrid Carbone – un traguardo dal punto di vista tecnico e interpretativo. Ho scelto brani molto conosciuti, inserendo però anche alcuni unicum. Come le sei Consolazioni e la leggenda di San Francesco da Paola che cammina sulle onde, un brano al quale sono molto legata, che mi ricorda la mia terra. Di entrambi esistono pochissime registrazioni».

Il cd si apre con un caposaldo virtuosistico del repertorio pianistico, la Fantasia quasi Sonata Après une lecture du Dante. Il brano prende ispirazione dalla Divina Commedia per una raffigurazione sonora di tre celebri momenti del capolavoro dantesco: l’inferno, la supplica dei dannati e la vicenda di Paolo e Francesca. I sei brevi brani delle Consolations, six pensées poétiques sono invece un ventaglio di miniature che si dipanano nel cesello di un’esplorazione umana e strumentale, alle quali segue il celebre Liebestraum No.3. Conclude l’album un lavoro di rara esecuzione, la Légende No.2: St. François de Paule “marchant sur les flots”, ispirata ad un particolare momento della vita del santo San Francesco da Paola, condensata in una scrittura intensa e toccante.

Protagonista della pubblicazione, intenta a cogliere la pienezza di sfumature al ritmo di una poesia che diventa materia viva di un cammino di conoscenza, la pianista Ingrid Carbone al suo esordio discografico.


Ingrid-Carbone-2018-shooting_1

Ingrid Carbone si diploma in pianoforte a pieni voti all’età di 19 anni al Conservatorio di Musica “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza, sua città natale, sotto la guida del M° Francesco Monopoli, affiancando anche lo studio della Composizione. Ha seguito masterclass in Italia e all’estero presso accademie prestigiose perfezionandosi con pianisti di fama internazionale, tra cui Sergio Cafaro, Hector Pell, Lazar Berman, Eduardo Ogando, Aquiles delle Vigne, Andrzej Pikul (unica partecipante italiana della XXV edizione del Tel-Hai International Piano Master Classes), Emanuel Krasovsky, Cristiano Burato. Dal 2007 al 2015 ha suonato in duo con il violinista Eugenio Prete.

Nel 2015 vince il Primo Premio al Concorso Musicale Internazionale “Erik Satie” di Lecce e il Secondo Premio al Concorso Pianistico Internazionale “Città di Rocchetta”. Premiata al concorso mondiale IBLA Grand Prizenel 2015, nel 2016 e nel 2017, in tutte le occasioni viene segnalata dalla New York IBLA Foundationtra “gli artisti che meritano l’attenzione del pubblico internazionale in quanto espressione di grande talento e professionalità”, attribuendole uno “standard di eccellenza assoluta”. In aggiunta, nel 2016 la New York IBLA Foundation le conferisce la Scarlatti Special Mention e nel 2017 la Piano Special Mention. Nel 2017 la FIDAPA BPW Italy (Sezione di Rende) le assegna il Premio biennale Donna del Sud per meriti artistici. In occasione del Premio, la giornalista Donata Marrazzo del Sole 24 Ore le dedica un “ritratto” pubblicato su CalabriaCult dal titolo “Schubert, Liszt e la Matematica: ritratto di una concertista aristotelica”. Nello stesso anno, la sua storia artistica e sue interpretazioni di Liszt appaiono nel film-documentario “Genialità italiana sotto le stelle”, presentato alla Biennale del Cinema di Venezia. Nel 2018, l’Associazione “La città del sole” del Rotary International le ha conferito il XXI Premio La città del Sole per la Sezione Arte. In occasione di concerti in Italia e all’estero, del conferimento di premi e dell’esecuzione di due concerti di Bach con orchestra d’archi, la RAI e altri canali televisivi le hanno dedicato diversi servizi, tra cui l’intera trasmissione di un’ora (con musica dal vivo al pianoforte) Prosceniosu Tele Europa Network nel 2018.

Nel novembre 2018 l’etichetta Da Vinci Publishing Japan pubblica un suo CD con quattro composizioni di Franz Liszt e, sempre nello stesso anno, Ingrid Carbone fonda l’Associazione Musicale “Clara Schumann”. Nella primavera 2019 è stata impegnata in tournée in Cina, invitata a tenere masterclass e lectures per docenti di pianoforte, anche esibendosi da solista e a quattro mani. Dal 2019 è Executive Director del Festival “Calabria International Music Festival & Competition”. Ingrid Carbone ha un vasto repertorio, che spazia dai clavicembalisti (inclusi i concerti di Bach con orchestra d’archi) al XX secolo. Personalità eclettica, tra le sue passioni la matematica, che l’ha portata a laurearsi con lode a soli 21 anni. A 27 anni ha vinto il concorso da ricercatore all’Università di Bari. Autrice di diversi articoli scientifici, ha tenuto conferenze in Italia e all’estero. Attualmente insegna Analisi Matematica all’Università della Calabria.

 

www.ingridcarbone.com – www.facebook.com/IngridCarbonePiano/instagram.com/ingridcarbone.pianist 

 https://www.youtube.com/channel/UCrrSRyk7v8IuI02JKj2kPwg 

https://open.spotify.com/artist/6MFb2eSCOAQr0Y3drSEzq5

https://music.apple.com/it/album/franz-liszt-les-harmonies-de-lesprit/1448288293